Agriturismo il Ginepro - Sole, Mare, Natura e Relax...

Mostra temporanea inCollectionthree Humanity

Pinacoteca Comunale “Carlo Contini”: venerdì 19 ottobre 2012 è stata inaugurata la mostra temporanea inCollectionthree Humanity, terzo e ultimo tassello della trilogia inCollection con cui la Pinacoteca è stata aperta al pubblico la scorsa primavera.

Dopo la mostra in Collection one – La Collezione di un Sardo, con opere di Peter Belyi, Blue Noses, Oleg Kulik, Darren Almond, Robert Gligorov, Matteo Basilè, Li Wei e Zhang Huan e la mostra in Collection two – Periferie dell’Impero con le opere degli artisti Ale De La Puente, Maria Magdalena Campos-Pons, Carlos Garaicoa, Francis Naranjo, Paolo Bianchi e Danilo Sini, l’attitudine multietnica, polimorfa e attenta al sociale del collezionista Antonio Manca, sardo e cosmopolita, trova conferma anche nella selezione presente nella mostra in Collection three – Humanity.

La mostra Humanity, prodotta dal Comune di Oristano e curata dal critico Ivo Serafino Fenu, prende in prestito il titolo della celebre e apocalittica canzone degli Skorpions del 2007, incentrata su un’umanità vittima e carnefice di sé stessa, afflitta da una profonda perdita di valori, colpevole dell’inarrestabile degrado del pianeta e destinata, per sua stessa mano, all’estinzione, tanto che il testo chiude con un verso cupo e sconsolato, senza speranza: Humanity goodbye.
“Il sostantivo umanità e, allo stesso modo, il vocabolo inglese Humanity, trascendono il loro valore collettivo e abbracciano una pluralità di significati che, se da un lato identificano i caratteri essenziali e distintivi del genere umano, dall’altro evocano l’essere contingente, la fragilità e la precarietà del singolo, le responsabilità individuali per un disastro giocoforza globale – spiega il ciritico Ivo Serafino Fenu -. Di quest’immensa fragilità l’arte contemporanea ha dato conto in modo impietoso, talvolta in forme cinicamente crudeli, individuando nel corpo, nella sua ostensione e nella sua ostentazione, il luogo privilegiato, il Sancta Sanctorum del conflitto. Tutto questo perché, per dirla con le parole di Francesca Alfano Miglietti, «il corpo è, per il potere, la sede privilegiata su cui far transitare i bisogni e i desideri, processi fisiologici e metabolismi, attitudini da controllare e reprimere»: corpo come sede del controllo sociale e della repressione, corpo come “carnaio di segni” (M. Foucault) e, per l’arte contemporanea, segno per antonomasia”.

La mostra Humanity è animata dalle opere di Franko B, Sandy Skoglund, Luigi y Luca, Entang Wiharso, Orlan, Wang Qingsong, Erwin Olaf, Robert Gligorov, Susan Paulsen, Nobuyoshi Araki, Matteo Basilé, Fx Harsono, Greta Frau, Nan Goldin, Daniele Buetti, Yasumasa Morimura, Chiara Dynys, Pietro Sedda, Marc Vincent Kalinka e Gregory Crewdson, a ribadire, tutte, con linguaggi e accenti diversi: Humanity goodbye.

La mostra rimarrà aperta fino sabato primo dicembre, dal lunedì al sabato dalle 10.30 alle 13 e dalle 17 alle 19.30 (ingresso libero).

Taggato come: , ,