Agriturismo il Ginepro - Sole, Mare, Natura e Relax...

Bauladu – DU Festival è tornato pieno di hip hop, rock e pro!

Venerdì 12 e sabato 13 luglio 2013

Du Festival Bauladu

Festival musicale di Bauladu


Il programma di venerdì 12

Bauladu – DU Festival è tornato pieno di hip hop, rock e pro! Si parte venerdì 12 alle 18.30 con due performance nel centro storico di Bauladu (via Antonio Gramsci). Inaugura Beeside (al secolo Federico Pazzona, classe 1980), cantautore sassarese che ha debuttato nel 2012 su disco con “Mood Spirals”, uscito per l’etichetta indipendente Seahorse. Un progetto per voce e chitarra che si muove con freschezza fra canzone d’autore e folk di matrice inglese. Sardi anche i protagonisti del successivo appuntamento, i Grandmother Safari, band cagliaritana che vede in scena Daniele Arca alla batteria, Omar Cappai alla chitarra, Alessandro Colarossi alla Tromba e synth, Mario Mereu al piano e synth e Federico Mainardi al basso, con sonorità che spaziano tra rock, psichedelia, prog e atmosfere jazz.

Alle 21.30 si accendono i riflettori sul main stage all’anfiteatro comunale di Bauladu: aprono le danze gli oristanesi Raw Rave Groove, formazione psychedelic-rock con all’attivo un singolo dal titolo “Ride/Like a Virgin in a Chapel” (Here I Stay Records, 2010) e un EP uscito con lo pseudonimo di Dead Hipsters (On2Sides Records, 2012).

Con il secondo set si entra nel vivo della serata, scaldata dall’elettrizzante atmosfera new-punk dei Sick Tamburo , che vedono ancora una volta insieme Gian Maria Accusani (chitarra e voce) e Elisabetta Imelio (voce), alias Mr.Man e Boom Girl, entrambi reduci da una decennale militanza nei Prozac+. Nati nel 2007, i Sick Tamburo hanno pubblicato per La Tempesta Dischi il primo album omonimo nel 2009, seguito nel 2011 dal più melodico A.I.U.T.O., e, nel 2012, dall’EP La mia mano sola, la cui parte grafica e video è curata da Davide Toffolo (del gruppo Tre Allegri Ragazzi Morti).

A coronare la serata sul palco centrale, l’atteso ritorno dei Marlene Kuntz, nome di spicco del panorama rock indipendente italiano, sulle scene da oltre vent’anni con nove album all’attivo: l’ultimo, “Canzoni per un figlio”, è uscito nel febbraio 2012. In scena Cristiano Godano (voce e chitarra), Riccardo Tesio alla chitarra, Luca Bergia alla batteria e Lagash al basso.

Dopo il concerto (oltre la mezzanotte), la musica continua nello spazio after stage del Parco San Lorenzo con il dj set del Blueroom Collective, progetto di base a Oristano.

Il programma di sabato 13


Sulla falsariga della prima serata si articola anche il palinsesto di sabato 13. Si comincia alle 18:30, dunque, con lo street show nel centro storico dei Sugubambu, brass band sarda di sette elementi che spazia nel folk e nelle musiche tradizionali di tutto il mondo, senza confini.

Sarda è anche la formazione che alle 21:30 apre il trittico di concerti sul palco centrale dell’anfiteatro: i Plasma Expander di Fabio Cerina (chitarra), Corrado Loi (basso, samples e synth) e Andrea Siddu (batteria). Attivo dal 2005, il trio cagliaritano ha licenziato lo scorso marzo il suo terzo album, “Cube”, un lavoro maturo che testimonia bene l’energia un gruppo difficile da etichettare e che trova la sua migliore espressione dal vivo.

Energia pura è quanto promette anche il set di LNRipley, altra formazione che sa dare il meglio di sé sul palco, contaminando drum’n’bass e dubstep con punk, metal e musica elettronica. Velocità e pulsazioni da rave, un approccio lo-fi e deciso agli strumenti e un frontman trascinante, fanno dei live del quintetto in arrivo da Torino quanto di più lontano dal classico concerto: un flusso di adrenalina, tutta da ballare.

Ancora a un artista sardo (di Olbia, in questo caso), ma ormai di stanza a Milano, spetta il compito di calare il sipario sul palco centrale del quinto ‘Du Festival: Maurizio Pisciottu, in arte Salmo, il rapper del momento, come testimoniano oltre 26 milioni di visualizzazioni (dati dello scorso marzo) sul suo canale YouTube ufficiale, e il successo del suo nuovo disco, “Midnite” che una settimana dopo l’uscita, il 2 aprile, ha raggiunto il primo posto tra gli album più venduti in Italia. Merito del personale modo di intendere il rap dell’artista gallurese, memore dei suoi trascorsi negli ambienti metal, punk-rock e hardcore: un retaggio che si coglie anche nell’attività live di Salmo, che sul palco, a contatto col pubblico, trova la sua naturale e autentica dimensione.

L’ultimo impegno per il quinto ‘Du Festival è nello spazio after show con il dj set dei cagliaritani ARPxp e Maurs, una delle più importanti realtà della bass music, sia in ambito drum’n’bass che dubstep.

Biglietti e abbonamenti

I biglietti per ciascuna serata si possono acquistare a 12 euro (più 2 euro di diritti prevendita) online su www.vivaticket.it e sul circuito BoxOffice (tel. 070657428) sul territorio regionale nelle prevendite di Cagliari, Carbonia, Alghero, Macomer, Olbia, Oristano, Sassari, Nuoro, Tortolì e Villacidro. In questo caso, ai 12 euro del biglietto andranno aggiunti 2,40 euro di diritti di prevendita. Sullo stesso circuito sarà possibile acquistare anche gli abbonamenti per le due serate: il prezzo è di 16 euro (più 2,40 di diritti prevendita).

web: dufestival.com

facebook: Du-Bauladu-Music-Festival

email: info@dufestival.com

info line: (+39) 329 88 11 116

Bauladu – DU Festival è tornato pieno di hip hop, rock e pro!

Taggato come: , , ,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.